Le fate ignoranti

Quando l’amore è l’amore, un amore a 360°, amore che si interseca nelle vite.

Lo ritengo un grande film sulla relazione e sulle relazioni. Non solo quelle di amore, ma quelle di amicizia, di mutuo soccorso, sulla compassione, sull’accettazione.

Da vedere e rivedere !

 

Le piccole cose di tutti i giorni

Nella convivenza con qualcuno le piccole cose di tutti i giorni (sciacqua-ildentifricio-dal lavandino, chiudi-l’asse-del-gabinetto, porta-fuori-la-spazzatura) sono quelle che ci fanno andare su tutte le furie. Perchè ? E cosa fare ?

Se sei irritato da una di queste cose, prima che diventino un problema serio, prova a farti una domanda: chi è il fissato qui dentro ?

Spesso uno dei due non si rende conto di fare un qualcosa che irrita l’altro oppure si hanno delle reazioni abnormi in certe situazioni, ed in entrambi i casi la persona irritata ha delle reazioni esagerate, a volte sull’orlo di una crisi di nervi.

Ritorniamo alla domanda: chi si sta comportando stranamente ? Riflettere su questo argomento può essere incredibilmente liberatorio se entrambi capiscono che cosa sta succedendo.

Ognuno di noi ha le sue fissazioni quotidiane che spesso sono trascurabili irritazioni, possono essere ridimensionate, magari con qualche piccola diversa organizzazione si possono superare, ma di solito basta riflettere sulla situazione e con un briciolo di umiltà vedere la situazione in maniera diversa.

Perciò, quando ti senti irritato, prova a verificare se alla domanda: “Chi è il bizzarro qui dentro?” la risposta che sorge spontanea è: “Io”.

Immagini tratte da Google Immagini

La cura

Oggi voglio farvi riflettere sulla meraviglia dell’atto di prendersi cura dell’altro con le parole e la musica di Franco Battiato.

 

Ti proteggerò dalle paure delle ipocondrie,
Dai turbamenti che da oggi incontrerai per la tua via
Dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo,
Dai fallimenti che per tua natura normalmente attirerai
Ti solleverò dai dolori e dai tuoi sbalzi d’umore,
Dalle ossessioni delle tue manie
Supererò le correnti gravitazionali,
Lo spazio e la luce
Per non farti invecchiare
E guarirai da tutte le malattie,
Perché sei un essere speciale,
Ed io, avrò cura di te
Vagavo per I campi del Tennessee
(come vi ero arrivato, chissí )
Non hai fiori bianchi per me?
Pií¹ veloci di aquile I miei sogni
Attraversano il mare

Ti porterò soprattutto il silenzio e la pazienza
Percorreremo assieme le vie che portano all’essenza
I profumi d’amore inebrieranno I nostri corpi,
La bonaccia d’agosto non calmerí I nostri sensi
Tesserò I tuoi capelli come trame di un canto
Conosco le leggi del mondo, e te ne farò dono
Supererò le correnti gravitazionali,
Lo spazio e la luce per non farti invecchiare
TI salverò da ogni malinconia,
Perché sei un essere speciale ed io avrò cura di te
Io sì , che avrò cura di te

 

 

Smetti di volere che cambi

Quando amiamo una persona, spesso cadiamo nella trappola di desiderare di avere un partner “leggermente” migliore. Non un’altro o un’altra, ma solo un pochino diverso/a in qualche aspetto che ci sembra importante. Vorremmo che guadagnasse di più, fosse più ambizioso, ci ascoltasse maggiormente, fosse più appassionato, meno irritabile, più collaborativo e così via.

 

Il fatto di avere questi pensieri ci porta ad essere insoddisfatti e in qualche modo frustrati, sembra che la causa della mancanza di questa soddisfazione venga dal tuo compagno/a, a volte ci sentiamo addirittura offesi e traditi. La nostra reazione è quella di fantasticare, immaginare e sperare che la persona cambi.

Purtroppo, nel raro caso in cui questo avvenga, la soddisfazione sarà di breve durata, sorgerà qualche altra esigenza di cambiamento, perché non è nell’altro, ma in noi stessi. Vi è un’associazione tra il desiderio di cambiamento del partner e la sensazione che manchi qualcosa, che qualcosa non vada.

La soluzione ? Andare oltre a questo pensiero e vedere la persona nella sua totalità, per quello che è, amarla proprio com’è ora. La relazione appagante e felice è lì, a portata di mano. Basta solo che smetti di volere che sia diverso.

Immagini tratte da Google Immagini

Social media

Un altra vignetta di Piero Vanessi che con grande ironia e in modo molto graffiante mostra i pericoli dei social a cui la coppia va incontro.

L’erba del vicino

Viviamo in un’epoca che potrebbe essere definita come l’epoca dell’eterno cambiamento in meglio. Da case più piccole a case più grandi, stessa cosa per l’automobile, vogliamo più guadagni, migliorare il nostro corpo, un computer più potente, un telefonino più smart. Siamo indotti anche dalla pubblicità in questo modo di pensare, vogliamo, vogliamo., vogliamo, non ci si accontenta.

Quindi, non c’è da meravigliarsi se trasferiamo questo modo di pensare anche alla relazione di coppia e se si insinua l’idea che un altro/a, potrebbe essere meglio.

Pensiamo che con un/una partner diverso/a sarebbe tutto meglio, ci amerebbe di più, sarebbe più premuroso/a,ci si sentirebbe più soddisfatti, si troverebbe una maggiore serenità.

Ovviamente può essere, ma questa non è la regola è l’eccezione. Cambi partner, cambi anche problemi; quasi sempre la fantasia è meglio della realtà. Troppo pensare in questo modo, ci porta non non godere appieno del rapporto che abbiamo e può solo incoraggiare scontentezza e frustrazione.

Il trucco per non cadere in questa trappola è rendersi conto se si ha questa tendenza a pensare che un altro/a compagno/a sarebbe meglio, consapevolmente tenerla sotto controllo e trovare il modo di rendere il proprio rapporto al meglio delle possibilità.

Apprezzare quello che si ha probabilmente porterà ad un miglioramento nella coppia e aiuterà a rendersi conto che non sempre l’erba del vicino è davvero più verde !

 

 

Immagini tratte da Google Immagini

La giornataccia

Evita di dire ogni sera al tuo rientro: “Che giornataccia!”

Sono dell’idea che spesso non c’è niente di meglio che un bello sfogo e che fare partecipe il compagno/a degli avvenimento della giornata è necessario e purificatore, ma c’è un ma. Bisogna stare attenti che non diventi un’abitudine, molto seducente, ma molto pericolosa.

A lungo andare, questa revisione della giornata diventa uno stile di vita e l’argomento principale di conversazione.

Un’altra cosa da valutare è che spesso la giornata è piena di avvenimenti, alcuni insignificanti, altri positivi, ma guarda caso ci si focalizza su quello che va storto; parlare solo di quello può mettere a dura prova la relazione stessa.

Pur non dicendo di blindare necessari sfoghi di particolari situazioni sarebbe bene cercare di evitare di fare degli avvenimenti negativi della tua giornata l’argomento primario della conversazione serale.

Se si soffoca questa abitudine sul nascere, si sarà assai più capaci di cogliere quello che di buono c’è nella vita e il buon umore sarà sicuramente più presente nel rapporto.Ci sarà maggiore interesse nella coppia e certamente maggiore divertimento.

Immagini tratte da Google Immagini